Trading online: azioni Alphabet-Google

Se vogliamo guadagnare in maniera positiva andando a investire nelle attività più giuste per noi, ovvero che ci possono in qualche modo garantirci dei frutti, non possiamo fare a meno di andare a ricercare le varie informazioni assolutamente necessarie per investire in una azienda operativa e molto fruttuosa la Alphabet di Larry Page e Sargey Brin.

Sommario

Cominciamo subito con il dire che andare a comprare azioni in Google è sicuramente come comprare delle azioni in un’altra azienda, con la differenza semplice ma netta, che Google è una delle aziende più redditizie a livello remunerativo rispetto a tutte le altre. La sua quotazione risale al 2004 con il nome originario di GOOG.

Per quanto riguarda le prime offerte pubbliche di Google queste si aggiravano verso gli 85-86 dollari, anche se nell’arco di poco tempo queste hanno subito una maggiorazione senza pari, così facendo si è andato a dimostrare il suo successo. Ora la quotazione delle azioni Google si aggira attorno ai 750 dollari per singola azione.
Detto ciò andiamo a comprendere più nel dettaglio le varie informazioni che ci servono per poter acquistare delle azioni nell’azienda Alphabet Inc (Google).

Due titoli, una sola azienda. Cosa scegliere?

alphabet cosa scegliereAttraverso una semplice ricerca ci possiamo accorgere che Google ha in Borsa ben due titoli, ovvero GOOG e GOOGL, con un valore quotato non molto diverso tra di loro. In gergo questo viene definito frazionamento azionario, si tratta ovvero di un espediente, effettuato da parte dei due soci Brin e Page e anche del presidente Eric Schmidt, che hanno tentato di dividere le varie azioni che hanno toccato dei valori molto elevati, al solo scopo di farle crescere ancora di più.

Ad esempio, nel 2014 le azioni di Google hanno toccato il record di quotazione nell’intera storia di Wall Street, avendo superato in maniera straordinaria, potremo dire, i 1000 dollari. Gli esperti di finanza consideravano questo titolo davvero esoso per poter crescere ancora di più, quindi consigliarono di dividere le varie quotazioni in due blocchi, per poter distribuire gli azionisti che per ogni tipo di investimento di tipo A (ovvero GOOGL) avrebbero avuto azioni in tipo C (ovvero GOOG), in questo modo si sarebbe avuto un maggior volume di azioni finanziarie.

Questo vero e proprio frazionamento ha fatto sì da rendere gli investimenti davvero più accessibili per gli azionisti e per gli investitori, proprio perché il valore delle azioni è stato diminuito di molto, ovvero con un costo più basso rispetto al principale. Eppure i due fondatori hanno fatto in modo da acquistare un potere ancora più elevato in fase di votazione per gestire meglio la società.

Per ogni azioni GOOGL, ovvero di tipo A, è corrisposto un voto nella sede di votazione, allo stesso modo per quanto riguarda le azioni GOOG, ovvero di tipo C, questo non hanno nessun tipo di voto. Mettendo in moto questo carattere di votazione Google ha fatto modo che in futuro si potrà incentivare i propri dipendenti con nuove azioni, senza però andare a turbare in nessun modo la posizione dei fondatori.

In più c’è anche un’altra classe, ovvero la classe di tipo B. Infatti nella realtà dei fatti vera e propria l’azienda Google ha introdotto tre tipi di classi:

  • La classe di tipo A: ovvero le azioni GOOGL, con il diritto di voto;
  • La classe di tipo B: ovvero le azioni che sono dedicate ai vari addetti ai lavori, che non sono affatto combinabili sul mercato;
  • La classe di tipo C: ovvero le azioni GOOG, che non hanno alcun diritto di voto.

Alphabet Inc., una nuova struttura

alphabet googleNel 2015 Google decise di modificare la sua struttura aziendale cominciando proprio con la modifica del nome dell’azienda, che passò da Google Inc. ad Alphabet Inc. Questo perché nel corso degli anni Google non è più solamente un semplice motore di ricerca, bensì si è arricchito con vari progetti e brevetti depositati, alcuni dei quali sono stati progetti di ottimo valore e successo, altri invece sono stati progetti a dir poco fallimentari, ma nella sostanza tutto questo non riguardano il famoso Google.com.

Dopo questi depositi avvenuti negli anni passati, Google ha deciso di modificare il nome. Questo soprattutto in virtù del fatto di non voler confondere i dipendenti di Google con gli investitori, infatti i fondatori del colosso informatico hanno voluto riunire le varie azioni e i vari progetti sotto l’insegna di un singolo nome. Lo stesso Larry Page scrisse una chiara lettera dove spiegava i vari cambiamenti e le varie motivazioni per gli stessi.

A questo punto cosa successe a Google? Accadde semplicemente che l’azienda Google cominciò a interessarsi a diversi campi, che non riguardavano solamente il solo web, bensì decise di espandersi interessandosi anche alla telefonia e quindi ai suoi vari gestori come Motorola e Android, ma anche all’intelligenza artificiale, agli strumenti di video sorveglianza. Non solo, ma anche si espanse verso i lavori sull’auto senza il conducente e verso moltissime altre startup e aziende.

Tutti questi progetti che sono stati inglobati dall’azienda Google sono andati sotto il nome di Alphabet.Inc, di cui il famoso sito Google.com occupa solamente una piccola parte nell’intero complesso che ormai negli anni ha monopolizzato quasi l’intero settore di appartenenza.

GOOG oppure GOOGL? Come scegliere l’investimento giusto

alphabet goog o googlAl momento di decidere su cosa voler andare a investire dobbiamo capire quali possano essere innanzitutto le nostre qualità e anche le nostre preferenze per capire al meglio le differenze tra GOOG e GOOGL.
Da un punto di vista di remunerazione non differenze tra i due non sono sostanziali, nemmeno sotto il punto di vista delle quotazioni e delle sue variazioni.

Precedentemente abbiamo visto che le azioni GOOGL ci danno il diritto di voto all’interno dell’azienda, quindi abbiamo anche la possibilità di poter partecipare ai vari incontri annuali dei vari azionisti, in questo senso è consigliabile investire su questa classe di tipo A. Per quanto riguarda il suo acquisto sicuramente avrà un prezzo piuttosto elevato, ma ci saranno molti vantaggi che ne deriveranno in sede di votazione, soprattutto per quanto interessa le quotazioni e le varie gestioni azionarie nella società.

Se volessimo invece, avere maggior attenzione sui progetti e sulle iniziative portate avanti dall’azienda Alphabet Inc (Google), a questo punto sarà più consigliabile andare ad acquistare le azioni della classe di tipo C, ovvero di GOOG; in questo modo rinunceremo al diritto di voto, ma avremo un costo molto più basso rispetto alla categoria di tipo A.

Ad ogni modo questa azienda ha il primato nell’enorme mercato azionario. Possiamo dire che sicuramente è un’azienda che promette molto risultati positivi e guadagni sugli investimenti sul medio e lungo termine. Infatti più il tempo passa e più questa azienda aumenta nel suo valore, soprattutto per quanto riguarda i vari frazionamenti azionari.

Quanto costa acquistare in Google?

alphabet costoOvviamente è chiaro il fatto che andare ad acquistare delle azioni in GOOGL risulta essere molto dispendioso. Al momento attuale un’azione ha un prezzo di 750 dollari, quindi facendo un rapido calcolo possiamo dire che per comprarne 10 occorrerebbe spendere 7500 dollari. In questo modo molti investitori si trovano in difficoltà a comprare delle azioni soprattutto dopo il frazionamento azionario di due anni fa.
Bisogna però anche dire che grazie a un ottimo broker che si occupi di trading online, possiamo andare a usufruire di un altro frazionamento, con un notevole risparmio di denaro.

Come fare trading su Alphabet-Google

alphabet tradingLa prima regola che consigliamo è quella di diversificare il nostro portafoglio, in parole più povere e chiare non dedichiamoci solamente all’azienda di Google, ma andiamo ad arricchirci anche con altri settori come immobili e obbligazioni, proprio per avere un vero e proprio piano di riserva nel caso il titolo Google dovesse crollare all’improvviso.

Altra regola fondamentale è quella di accettare il fatto che ci siano varie fluttuazioni nei titoli della Borsa. Chi lavora nel trading online, ma anche chi è principiante, sa benissimo che i titoli azionari sono importantissimi, e questo vale anche per quelli di Google, questo significa che è molto facile che subiscano delle fluttuazioni nel corso di una giornata. Ovviamente tutto questo non costituisce un vero e proprio pericolo, infatti i moti oscillatori sono una caratteristica principale per coloro che investono in azioni. Piuttosto bisognerà imparare a porre lo Stop Loss e il Take Profit in maniera esatta, per non incappare in problemi piuttosto seri.

Rischiare o non rischiare?

Ovviamente andare a investire nella società di Larry Page non è certo esente da rischi. Come abbiamo avuto modo di dire in precedenza stiamo parlando di un titolo tra i più grandi in tutto il mondo, quello più famoso e più richiesto. Questo è un brand molto importante che ha avuto una quotazione di partenza di circa 50 dollari e che ora supera i 700.

Però è sbagliato anche considerare il fatto che è una società così grande possa fruttare guadagni enormi in maniera scontata. Come dice il famoso proverbio: non è tutto oro ciò che luccica. Soprattutto se pretendiamo dei risultati a carattere immediato. Rischiamo anche di trovarci con la bocca asciutta nel momento in cui ci aspettiamo risultati immediati.

Quindi il nostro consiglio è quello di approcciarci alle azioni Google in una prospettiva che vada sui termini più lunghi, questo perché il successo o il fallimento del momento può far fluttuare di molto il titolo in poco tempo.
Ovviamente tale titolo si conferma uno dei titoli azionari più raccomandati di sempre, ma poniamoci sulla prospettiva più lunga e non più breve.